miércoles, 31 de octubre de 2012

LOREDANA BOGLIUN [8.214] Poeta de Croacia


Loredana Bogliun

Nació en Pola, Croacia en 1955. Su poesía ha sido publicada desde 1972. También es traductora. Su poesía ha sido traducida al croata, macedonio, rumano, alemán, hindú , inglés, español, y en el dialecto ciacavan istrian. Ha publicado los siguientes libros de poesía: Poesie (Italia, 1998); Mazere/Gromace/Muri publicado en italiano con traducción al croata en 1993, y Vorbind despre noi (Rumania, 1989); Istarskite zidista (Macedonia, 1996); La Peicia (Italia,1996); La Trasparenza (Italia 1996); Istrianituudini (Rumania, 1997). Su poesía ha sido presentada en varias revistas nacionales e internacionales como La Battanaaa, Pionere, Kulturen zivot, La voze del Club Armonia, Il Territorio, entre otras. Ha ganado varios premios y reconocimientos entre ellos: el Istria Nobilissima premio de poesía, y de narrativa también. Ha participado con frecuencia en programas de radio y televisión y en reuniones literarias en Croacia, Italia, Eslovania, Austria, Bélgica, y en la antigua Yugoslavia.






Destino

Sombría casi desaparecida 
Pero en efecto deberían sacudirme 
bien

no sé bien por qué 
me arrastro

Este bofetón no me parece una caricia. 
Piedras y tierra bajo este sol que resquebraja, 
afuera todo parece baldío. 
¿Es mayor la gana de no ser nada 
aquella ola que no logra asentarse?

Si me vas a buscar con la esperanza 
del huerto lleno de luciérnagas, yo podría 
estar sólo allá donde el destino 
me acompaña.

Así me relajo cuando el humor llega 
cansado 
abrazada como en una sola caricia.

La estación es del cagamilagros 
y no me digas que el próximo verano 
no iremos bajo el pino a mirar la orilla.

Del libro Poemas de Palacio





ME MARO, LA CIOCA E I BISCOTI RUDULADI

Ghe portarè a me maro
oun saco de simula
pal beveron de le galeine

…..in t’al canton de la corto
…..la cioca iò fato i pulseini

in sto saco ∫i i ovi
pai biscoti ruduladi
i cussiti ch’a se ciapa cu le man

…..…..in quil saco
…..…..al me ieri
…..…..al so duman

e serada drento
ouna scarsela ∫’gionfa
cul cor ch’a bato
forto e grando
de me maro ch’a meto insembro
al so ciapo de galeine e de carità

(da Ma∫ere)






MIA MADRE, LA CHIOCCIA E I BISCOTTI ARROTOLATI

Porterò a mia madre
un sacco di semola
per il beverone delle galline

…..Nell’angolo della corte
…..la chioccia ha fatto i pulcini

in questo sacco ci sono le uova
per i biscotti arrotolati
le cosce che si prendono con le mani

…..…..in quel sacco
…..…..il mio ieri
…..…..il suo domani

e chiusa dentro
una tasca gonfia
col cuore che batte
forte e grande
di mia madre che raduna
il suo pugno di galline e carità







ME MARO MOREDA

La me iò spetà cul pensier de ouna mare
gila ch’a da mureda la viva i cudeini
e da Furno Grando la vardava al mondo

……………Me maro me iò fato
……………sinteindo a turno
……………al strapasso de oun imbroio
……………Vudii armaroin e contrade

Cu la iò veisto ch’a ieri fimena
la me iò livà cu le so man de ca∫a
insembro a quile d’al bon
ch’a iò sempro veinto i cateivi
Mai la se iò dà da maraveia
gnanca in tal frido de le notolade longhe
parchì fursi la noto iò un cor tinaro
e la iò capei, me maro e la so passiensa

(da Ma∫ere)





MIA MADRE BAMBINA

Mi aspettò col pensiero di una madre
lei che da bambina aveva i codini
e da Forno Grande guardava il mondo

…………..Mia madre mi fece
…………..sentendo attorno
…………..la fatica di un imbroglio
…………..Vuoti gli armadi e le contrade

Quando vide che ero femmina
mi accudì con le sue mani di casa
insieme alle storie del buono
che ha sempre vinto i cattivi
Mai si stupì troppo
neanche nel freddo delle lunghe notti insonni
perché forse la notte ha un cuore tenero
e comprese, mia madre e la sua pazienza







TUCÀ LA LOUNA

Sentada soun la louna
i vardi al mondo caii par indreio
douti ∫ura a ∫longasse par la louna

ma nui altre dò cumo la piouma

pou∫ade de noto soul campaneil
sugnein la serenada beianca

La to louss meio Signur
passa e despoi distreiga
In sta nustra ci∫a i pecadi
se brou∫a ne l’Ave Mareia

Louss de fata ch’a no bes’cema

Mai la me ∫ento iò tucà la louna

(da Ma∫ere)







TOCCARE LA LUNA

Seduta sulla luna
guardo il mondo cadere all’indietro
tutti sopra ad allungarsi per la luna

ma noi due come la piuma

appoggiate di notte sul campanile
siamo la serenata bianca

La tua luce mio Signore
passa e poi riordina
In questa nostra chiesa i peccati
si bruciano con l’Ave Maria

Luce di fata che non bestemmia

Mai la mia gente ha toccato la luna







Me paro la madona

Co le ca∫e se di∫gourba a pian a pian
mei se ch’a piura douto Dignan.
Ancui ghe vidi sulo la ruveina
i se ch’a mai el turnarò quil de preima.
Oun amur cu fineisso lassa sempro
sta disperassion ch’a ∫langueisso

e la nostra tera ∫i douta drento la ma∫era,
al formenton impiantà cumo omini de pana,
cu la radeiga soia, al cavel ingarissà

a ∫i me paro ch’a favela, la me tera
imbastardeida, s’ciavunei∫ada,

∫i la me campagna ingraiada.

Me paro scanteina al se iò fato vidurno:

al cavo par aria, se po∫a cumo calado,
in sirca d’al nouvolo ch’a vignarò ∫brombolando.

virdo e ∫alo in tra le veide,
al so cameinà iò impinei la boto.

………….Me paro la madona.
…………………..Parchì no ∫i viro ch’a sulo
……………………………le fimene iò lagrema santa.

(da La peicia)





Mio padre la madonna

Quando le case si sfasciano giorno per giorno
so che piange tutto Dignano.
Oggi vedo dentro la sua rovina
e so che mai tornerà come prima.
Un amore che finisce
lascia questa disperazione che langue

e la nostra terra sta tutta dentro il muricciolo di campagna,
il frumento piantato come uomini di pannocchia,
con la radice, il capello sgualcito

è mio padre che parla, la mia terra
imbastardita, fatta schiavona,

la mia campagna cespugliosa.

Mio padre traballa, si è fatto gerbido:

il capo in aria, si posa come afflosciato,
in cerca della nuvola che arriverà rotolando.

Verde e giallo tra i vitigni,
il suo camminare ha riempito la botte.

…………Mio padre la madonna.
……………………Perché non è vero che solo
………………………………le femmine hanno lacrima santa.







La carissa

Sulo sto canton i cugnussi
cul parfoumo de la me veita.
Douto in sta me Eistria
∫i fato de passiensa anteica.
In tal vento ch’a stren∫o soun par al Pian
se specia ∫uvena la forsa de la meia Dignan.

I vaghi a salti peici e mai pricei∫i,

el me se incanta.

…………….Vardime catime vegno

de la me lagrema seita strenta

douto me par ch’a me dormo drento,
a ∫i coumo ∫ei par la peiova
cul vento ch’a me volta l’ombrela
e mei reidi de sta cumpaneia mata.

I soin crissouda granda,
sula,
a vidime la peicia co la so poupa.

Quista ∫i la carisa:

la to veita meia peicia peicia,
∫i quila d’al sul ch’a se liva.
In tala so fadeiga li∫iera
la me pa∫ deventa bela.

(da La peicia)







La carezza

Solo questo angolo conosco
col profumo della mia vita.
Tutto in questa mia Istria
è fatto di pazienza antica.
Nel vento che stringe su per il Pian
si rispecchia giovane la forza della mia Dignano.

Vado a salti piccoli e mai uguali,

mi si incanta.

………….Guardami trovami vengo,

della mia lacrima zitta stretta

tutto sembra che mi dorma dentro,
come andare per la pioggia
col vento che mi gira l’ombrello
e io rido di questa compagnia matta.

Sono cresciuta grande,
sola,
a guardarmi la piccola con la sua bambola.

Questa è la carezza:

la tua vita mia piccola piccola,
è quella del sole che si alza.
Nella sua fatica leggera
la mia pace diventa bella.






la piera

……………in tala campagna
……………∫g’ionfa la piera
……………la speta
……………al so samer ch’a reiva
……………cu la recia ∫gaia

mai sti oci iera ∫barlombadi,
gnanca in tra le piere de la stalita,
vula ch’a la bora passa la cani∫ela
e l’anema scalda la magnadura
de sto anemal seito,
e coussei el reiva
da la stalita a la ca∫ita
fato cumo par scoltà ste piere,
insembro par dasse l’anda

∫i bela sta meia ca∫ita
cu al samer la varda incantado.

(da La peicia)





la pietra

……………dentro alla campagna
……………gonfia la pietra
……………aspetta
……………il suo asino che sta arrivando
……………con l’orecchio attento

questi occhi mai sono stati assonnati,
neanche tra le pietre della stalletta,
dove la bora passa la stradina
e l’anima scalda la mangiatoia
di quest’animale silenzioso,
e così arriva dalla stalletta alla casetta di campagna
fatto per ascoltare queste pietre,
insieme per darsi portamento

è bella questa mia casetta di campagna
quando l’asino la guarda incantato.







Sussourado

I tei voi ben in te l’anema strapassada
vento bes’ce e fango iò pestà al me varto,
ma par tei tinaro e dulso i portarè
al me cor a fate louss in tale notolade
ch’al tempo vuravo portane veia.

Meio peicio beigulo ∫bruvà
fato da to maro par st’altra fimena,
a sarò la pa∫ seita de la louna
quil ninein ch’a fa grando al mondo.

Cun tei sarè in tala fursa dal rispeiro
ch’a me fa crissi cumo in toun soufio

feil de feiladoura longo douto de oun tuco
no∫ento e caloru∫ cu le man te brassi.

(da Soun la poiana)







Sussurrato

Ti voglio bene nell’anima sciupata
vento bestie e fango hanno calpestato il mio orto,
ma per te tenero e dolce porterò
il mio cuore a farti luce nelle notti insonni
che il tempo vorrebbe portarci via.

Mio piccolo bigolo scottato
fatto da tua madre per quest’altra donna,
sarà la pace silenziosa della luna
quel nonnulla che fa grande il mondo.

Con te sarò nella forza del respiro
che mi fa crescere come in un soffio

filo di filato lungo tutto d’un pezzo
innocente e caloroso con le mani ti abbraccio.








Romasse

Par sto inverno i vein pensà
da ∫ei pioun a romasse.
Calda iera l’istà, oun strapasso.

I vein fato l’amour cumo le vespe
ch’a par douto le se sparneissa,
∫uta sta louna de cumpaneia seita.

Co ∫guli i soin pioun li∫iera
e s’cito me se po∫a al mar
…………………….soun sta tera.

Douto ∫i in tala screiculada
de sta scritoura feissa,
fata par scoltà cumo ch’a ta∫o
la fuia scampada de la rama.

I ∫arè invulteissada in te l’anema meia.

No ∫i al pinsier e gnanca la malora

lassalo vignei cumo tremulo
sto passo de grassia caressada.

In tala staion ch’a inguanta fuie

….sulo l’ulì

………..no fa romasse.

(da Soun la poiana)






Sterpi

Per questo inverno abbiamo pensato
di andare più a sterpi.
Calda era l’estate, una sfaticata.

Abbiamo fatto l’amore come le vespe
che dappertutto si sparpagliano,
sotto la luna di compagnia zitta.

Quando volo sono più leggera
e limpido mi si posa il mare
………………….su questa terra.

Tutto è nella screpolatura
di questa scrittura densa,
fatta per ascoltare come tace
la foglia scappata dal ramo.

Andrò avvolta nell’anima mia.

Il pensiero non c’è e neanche la malora

lascialo venire come tremolo
questo passo di grazia accarezzata.

Nella stagione che ferma le foglie

….solo gli ulivi

………..non fanno sterpi.







Ruvèri

Sa de ste bande i arbori toca al siel
vardando la ierba ch’a crisso spetenada.

Despoi de la peiova se vir∫o al suspeir
de sta me tera ch’a veivo cuciada.

…De mei pudaravi deite
…peicada in tra le fuie.

In tai arbori me favela
ch’a gnente iò pioun forsa
de sta radeiga ch’a me guanta par tera.

A ∫i ruvèr sto me arboro grando.

Douto al mondo ghe stà ∫uta,
ma par quil ch’a manca, ∫i da vardà ∫ura!

(da Soun la poiana)







Róveri

Qui da queste parti gli alberi toccano il cielo
guardando l’erba che cresce spettinata.

Dopo la pioggia si apre il sospiro
di questa mia terra che vive accucciata.

…Di me potrei dirti
…appesa tra le foglie.

Negli alberi mi si dice
che niente ha più forza
di questa radice che mi regge per terra.

È rovere questo mio albero grande.

Tutto il mondo gli sta sotto,
ma per quello che manca, bisogna guardare sopra!







Al mandoler

In tal revardo sussourado
de la veita ch’a se fa granda
al preimo mandoler carissa l’aria
cul suspeiro de nuveissa

grando e bianco se ∫’gionfa
al bouto in tala bavi∫ela,
pien de bondansa al se specia
cu la no∫ensa de la piouma.

Ghe ∫i soun sta tera momenti
de arbori inseina fuie
ch’a i se spando

…………..i se regala

a quil ch’a no se pol dei cu la favela

drento ghe ∫i la louss ch’a me fa bela.

(da Soun la poiana)







Il mandorlo

Nel pudore sussurrato
della vita che si fa grande
il primo mandorlo accarezza l’aria
col sospiro di sposa

grande e bianco si gonfia
il germoglio nella brezza,
pieno di abbondanza si specchia
con l’innocenza della piuma.

Ci sono su questa terra momenti
di alberi senza foglie
che si espandono

…………..si regalano

a quello che non si può dire con la parola

dentro c’è la luce che mi fa bella.






No hay comentarios:

Publicar un comentario en la entrada